arte

Biennale d'Arte Internazionale di Roma 2018 (12° Edizione)

Tags: 
Sabato, 20 Gennaio, 2018 - 19:00
Lunedì, 29 Gennaio, 2018 - 20:00
Luogo: 
Sale del Bramante
Piazza del Popolo
Roma , RM
Italia
Roma IT

Tutti pazzi per la Biennale d'Arte Internazionale di Roma, ideata e organizzata da 24 anni da Giuseppe Chiovaro, presidente del CIAC, Centro Internazionale Artisti Contemporanei.

Oltre 500 persone hanno invaso le Sale del Bramante, in piazza del Popolo, per l'inaugurazione dell'esposizione giunta alla XII edizione e patrocinata da Roma Capitale, che sarà aperta tutti i giorni ad ingresso gratuito fino al 29 gennaio. Fila all'ingresso, folla delle grandi occasioni che è diventato impossibile anche muoversi nelle sale dove un tempo lavoravano Donato Bramante e Michelangelo. L'arte comincia dunque ad essere fruibile a tutti, non solo alle elite, e coinvolge sempre più persone. 120 gli artisti e le rispettive opere in mostra, selezionate su 700 in varie gallerie italiane e di mezzo mondo (dall'Albania alla Bolivia, dalla Palestina alla Spagna, dalla Russia all'America). La Commissione centrale della Biennale, di cui fanno parte i pittori Ennio Calabria e Antonio Tamburro, la critica d'arte Mara Ferloni, l'architetto Erica Tollot, il prof. Giuseppe Ginnantonio, Antonella D'Onofrio e Daniela Kleshinsky, sceglierà i 12 artisti migliori, che saranno premiati in Campidoglio a maggio e avranno una mostra collettiva a loro dedicata. A tagliare il nastro inaugurale con Giuseppe Chiovaro è arrivata, in look sportivo, l'attrice Adriana Russo, figlia dell'apprezzato pittore Mario. Tra flash, discorsi, applausi, Chiovaro ha letto i messaggi di auguri inviati dalla Presidente della Camera Laura Boldrini e dalla Santa Sede. Tra le tele in mostra, anche l'opera "Rent" dell'attrice Nathaly Caldonazzo, apparsa un po' in ritardo con la mamma Leontine Snell, ex Blue Bell. "L'arte è creatività, amore, armonia e poesia", ha tuonato il Presidente Chiovaro. "E' speranza di pace e costruzione di progetti per migliorare l'umanità. Non va soffocata nè sottovalutata. E il mecenatismo che ha permesso ai più grandi artisti di vivere di arte e per l'arte, non deve restare celato ma deve diffondersi come linfa vitale ovunque". Tra le 120 opere in mostra, tra pittura, scultura e fotografia, anche artisti di chiara fama come Novella Parigini, Salvatore Fiume, Elvino Echeoni. A colpire i critici e i curiosi in modo particolare sono stati i lavori di Sebastiano Grasso, Luca Sanguedolce, Mirko Mauro, Jack Tuand, Nikolay Deliyanev. Apprezzatissima la grande scultura di Roberto Bassetto realizzata in materiale metallico che raffigura papa Francesco.

 

Galleria fotografica: 
Allegati: 
AllegatoDimensione
PDF icon biennale-2018-catalogo.pdf1.07 MB
PDF icon biennale-2018-espositori.pdf4.12 MB
Video: