Progetto Sibari

Il CIAC, nell'ambito delle sue iniziative miranti alla promozione dell'arte e della cultura, si è impegnato nella valorizzazione della Calabria, terra di grandi civiltà e inesauribili risorse.
Si volle ritornare alla sua gloriosa storia antica ed in particolare alla "Magna Grecia".

Nacque così il "Progetto Sibari".
Il progetto, che è andato precisandosi nel tempo, mira a:
-    riscoprire una delle più ricche ed affascinanti città dell'antica Magna Grecia, quale era stata Sibari;
-    ricostruire le sue vicende che si sviluppano, da sempre, tra mito, fantasia e storia;
-    approfondire la sua dimensione storico-artistica;
-    rivivere la bellezza e la magia di quelle che sono state le nostre origini, dalla civiltà delle coste ioniche a quella della Calabria, dall'Italia meridionale all'Italia tutta;
-    sensibilizzare le varie Istituzioni, sia nazionali che internazionali (soprattutto l'Unione Europea), alla rivalutazione di questo antico, fiorente e potente centro di attività commerciali e culturali, augurandosi che si adoperino affinchè siano riportati alla luce quegli immensi tesori che fanno parte inscindibile della nostra civiltà occidentale e che la Sibari di oggi possa diventare luogo di affascinanti scoperte archeologiche,turistiche e culturali.

 

Il "Progetto Sibari" si dovrebbe sviluppare su queste linee:
1.    Pubblicazione di un libro su Sibari di Francesco Rescio, docente all'università di Napoli, il quale si è soffermato, nella sua ricerca, sulla parte idro-geografica del sito di Sibari con mappe recenti ed antiche. Il libro si conclude con una ricostruzione immaginaria della scomparsa tragica della città, ideata dalla scrittore Giuseppe Chiovaro, presi­dente del CIAC;
2.    Presentazione del libro, edito (a titolo onorifico) da Grafikarte, da tenersi prossimamente in Calabria, con sede da definirsi.

3. La rappresentazione teatrale, in cui la profetessa Cassandra (che è stata scelta da un'apposita giuria in un concorso a livello internaziona le) pronuncerà, in panni d'epoca, la nefanda profezia, in cui prediceva la tragica scomparsa della città di Sibari mediante un'onda lunga del mare che la inabisserà, facendone perdere ogni traccia;
4. Una mostra di pittura (non necessariamente solo su Sibari, ma anche sulla Calabria di ieri e di oggi) per celebrare la creatività dei Calabresi ed esaltare la bellezza della loro terra.
4.    Coinvolgimento all'evento di Enti pubblici e privati, di associazioni culturali e non, di personalità del mondo civile, della politica, dell'imprenditoria, dell'arte e della religione;
5. Cerimonia solenne di consegna dei Premi, a personalità eccellenti della Calabria.
Per l'occasione verrà istituito il Premio Internazionale del Mediterraneo "Città di Sibari" che sarà articolato in sei sezioni: Archeologia, Arte e Cultura, Scienze e Medicina, Politica e Attività sociali, Industria e Commercio, Sport e Turismo.

Una Commissione, che sarà formata da rappresentanti del CIAC e del comune di Cassano, selezionerà le personalità da premiare, che si sono distinte per aver onorato e valorizzato, con il loro pensiero e la loro opera, la regione Calabria in Italia e all'estero, contribuendo alla diffusione del suo nome e della sua grandezza.